L€™ITALIA E L€™UNIONE EUROPEA

Corso Jean Monnet

Corso da attivare

Programma del Corso - Il rapporto tra l’Italia e il processo di integrazione europea и stato segnato prioritariamente dal fatto che la CEE, muovendo i primi passi nel periodo del miracolo economico, è sempre stata percepita come un elemento di un miglioramento del clima economico-sociale. Quando, nei decenni successivi, il sistema politico italiano è entrato in crisi, la CE viene vista come l’unica possibilitĐ° di riassetto del sistema nazionale: in sostanza, un maggiore grado di sovranazionalitĐ° nelle istituzioni comunitarie è richiesto per porre rimedio alle inefficienze interne. Parallelamente, la classe politica italiana si è sovente appellata alla CE per legittimizzare delle misure impopolari la cui adozione era perŃ‚ necessaria, ad esempio nel campo fiscale e monetario. In termini di partecipazione al processo decisionale comunitario, d’altra parte, l’atteggiamento dell’Italia si rivela contraddittorio: assenza nelle discussioni “quotidiane” e ruolo di impulso nei momenti decisivi. Certo, l’incapacitĐ° dell’Italia di implementare adeguatamente la legislazione comunitaria e gli obblighi derivanti dal Trattato CE non hanno contribuito a rafforzare il prestigio del Paese a livello comunitario, e ciŃ‚ nonostante gli sforzi di invertire questo trend compiuti a partire dal 1996.

Il corso sarĐ° diviso in tre parti.

Nella prima parte, si esamineranno le relazioni tra l’Italia e la CE/UE e il contributo italiano al processo di integrazione da un punto di vista storico.

Nella seconda parte, ci si concentrerĐ° sul processo di elaborazione, sul piano interno, delle posizioni nazionali da sostenere a livello europeo, nelle istituzioni CE/UE.

La terza parte descriverĐ° il modo in cui gli interessi italiani sono difesi all’interno delle istituzioni europee, analizzando prevalentemente le alleanze costruite dai rappresentanti italiani all’interno del Consiglio dei Ministri e gli schemi di comportamento dei membri italiani del Parlamento. Infine, si prenderĐ° in considerazione il ruolo svolto dalle due presidenze italiane della Commissione (Malfatti and Prodi) e dai più importanti commissari italiani.

CONNECT WITH US